fbpx

Ansia e feci nere: cause, sintomi e pericoli

Ansia e feci nere: che correlazione c'è? L'ansia può portare a feci nere, o viceversa? Una breve guida per capire le cause e i pericoli.
Ansia e feci nere

Indice dei contenuti

Cosa si intende per feci nere

Qual è la correlazione tra ansia e feci nere?

Parliamo di feci nere o feci scure quando queste assumono un colore scuro, quasi nero (sicuramente più scuro della “norma”).

Spesso il colorito scuro è segno della presenza di sangue che proviene dalle parti superiori del sistema gastrointestinale, come esofago, stomaco o intestino.

Feci di questo tipo emettono un odore decisamente acido e il termine medico per descriverle è “melena“.

Esistono anche le “false melene“, che sono feci di colore scuro o nero, ma che in realtà non contengono sangue.

È il caso, ad esempio, in cui le feci nere sono causate dall’insorgenza di ansia o dal persistere di stati ansiosi.

 

Cause delle feci nere

Le feci nere possono essere provocate da condizioni psicologiche (come l’ansia) o fisiologiche.

Il legame tra ansia e feci nere

L’ansia può influire sulla colorazione delle feci, portando talvolta alla comparsa di feci nere.

Ciò avviene perché l’ansia stimola la produzione di cortisolo, un ormone che può avere vari effetti sul corpo, incluso questo cambiamento nel colore delle feci.

 

Altre cause delle feci nere

Oltre a fattori di natura psicologica, le feci nere possono essere causate da fattori di altra natura, come quella fisiologica.

Ad esempio, possono derivare dall’ingestione di certe sostanze o dall’assunzione di integratori di ferro.

In alcuni casi, tuttavia, possono indicare una condizione più grave, come un sanguinamento nel tratto digestivo causato da un’ulcera peptica.

Tra le cause principali di feci scure troviamo:

  • Ulcera peptica allo stomaco.
  • Infiammazione del tratto gastrointestinale.
  • Uso di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

Inoltre, le persone che hanno subito una colectomia possono abitualmente avere feci nere, poiché il cibo non viene completamente digerito.

Altre cause di melena includono:

  • Ulcere sanguinanti, causate spesso da un’infezione da Helicobacter pylori (H. pylori) e non necessariamente da stress o cibo piccante.
  • Gastrite, ovvero l’infiammazione dello stomaco, causata da vari fattori come alcol, cibo piccante, fumo o infezioni batteriche.
  • Varici esofagee, vene dilatate nell’esofago o nello stomaco che, se si rompono, possono causare sanguinamento evidente nelle feci o nel vomito. Questo fenomeno è spesso legato all’ipertensione portale causata da cirrosi epatica.

Gli alimenti che influenzano il colore delle feci includono:

  • Verdure come broccoli, spinaci, rucola, prezzemolo e fagiolini, ricche di clorofilla, che può dare alle feci una tonalità verde.
  • Alimenti come barbabietole, mirtilli e ciliegie, che contengono beta carotene e possono colorare le feci in rosso.
  • Il vino rosso, che può portare a feci di colore marrone scuro.
  • La liquirizia, soprattutto se consumata in grandi quantità, può scurire le feci.

Infine, i vermi neri e altri parassiti, particolarmente diffusi tra i bambini, possono causare feci di colore verde scuro.

 

Ansia e feci nere cause

 

Cosa fare in caso di feci nere (con e senza ansia)

In linea di massima, in presenza di feci scure è essenziale un intervento tempestivo.

Fondamentali sono gli esami diagnostici e l’analisi morfologica delle feci, che include l’osservazione di:

  • consistenza;
  • colore;
  • quantità;
  • odore.

Ad esempio, se le feci presentano piccole macchie nere, ciò potrebbe semplicemente indicare la presenza di residui di fibre vegetali.

Nel caso particolare in cui le feci scure si presentano in concomitanza con ansia o sintomatologia ansiosa persistente, la prima cosa da fare è comprendere se l’ansia è la causa o l’effetto delle feci nere.

In altre parole, se è l’ansia a dare la colorazione scura alle feci (tramite la sovrapproduzione di cortisolo), oppure se è la presenza di feci nere a generare l’ansia nell’individuo (perché, magari, le associa ad una probabile condizione fisiologica o malattia ipotetica).

Per poter avere un quadro chiaro, è fondamentale rivolgersi ad un medico, ed eventualmente anche ad uno psicologo.

È sempre sconsigliata l’autodiagnosi e l’automedicazione.

La diagnosi professionale è fondamentale per scongiurare la presenza di condizioni di salute gravi.

Per diagnosticare le condizioni associate alle feci nere, il medico si basa generalmente su un insieme di sintomi.

Il colore nero delle feci da solo non è una prova definitiva della presenza di sangue, perciò è necessaria una conferma.

Questa conferma può avvenire tramite:

  • un esame rettale in ambulatorio;
  • l’uso di un kit domestico per raccogliere un campione di feci da analizzare in laboratorio.

Una volta diagnosticata la melena, il medico può prescrivere ulteriori test diagnostici per identificare la causa e la localizzazione precisa del sanguinamento.

Questi test includono:

  • radiografia;
  • esami del sangue;
  • colonscopia;
  • gastroscopia;
  • coltura delle feci;
  • studi con bario.

 

Rimedi per ansia e feci nere

I rimedi per le feci nere dipendono dalla causa che le scatena.

Nel caso in cui la colorazione nera delle feci è data da un’emorragia interna (e quindi da una condizione fisiologica), il trattamento mira a curare e quindi risolvere l’emorragia stessa.

Nel caso in cui le feci nere sono causate dall’ansia, l’intervento dovrà essere di tipo psicologico e sarà finalizzato alla gestione e alla cura dell’ansia.

 

Come curare le feci nere

Il trattamento del sanguinamento intestinale, che a volte può fermarsi da solo, dipende da diversi fattori:

  • l’entità dell’emorragia;
  • la localizzazione del sanguinamento;
  • le eventuali patologie associate.

Spesso, il trattamento può essere eseguito durante le stesse procedure diagnostiche, come durante una gastroscopia o una colonscopia.

Gli obiettivi del trattamento si basano sull’entità dell’emorragia e includono:

  • Arresto del sanguinamento acuto e ripristino del volume ematico, che può richiedere l’uso di liquidi endovenosi o trasfusioni.
  • Identificazione della sede dell’emorragia.
  • Trattamento della causa del sanguinamento, che può comprendere:
    • riduzione dell’acidità gastrica;
    • trattamento endoscopico delle ulcere e delle varici gastro-esofagee;
    • gestione dell’ipertensione portale.
    • interventi chirurgici.
  • Trattamento a lungo termine della malattia sottostante, per prevenire recidive.

 

Come curare l’ansia

Nel caso in cui le feci nere siano causate dall’ansia, è importante adottare strategie di gestione dello stress.

Tra gli approcci più comuni e efficaci troviamo:

  • Rilassamento muscolare progressivo: questa tecnica comporta il rilassamento graduale dei muscoli in tutto il corpo. Può essere praticato autonomamente o con l’assistenza di un terapeuta.
  • Meditazione: la meditazione è un metodo efficace per ridurre stress e ansia. È un approccio non invasivo che si concentra sul riconoscimento e sull’accettazione dei propri pensieri e sentimenti.
  • Esercizio fisico: fare regolarmente attività fisica può diminuire l’ansia e prevenire effetti come la defecazione di feci nere. L’esercizio fisico rilascia endorfine, sostanze chimiche che hanno un effetto positivo sulla gestione dell’ansia.

Nel caso in cui l’ansia sia causata da disturbi ansiosi più gravi (come il Disturbo d’Ansia Generalizzata), è fondamentale rivolgersi ad uno psicologo per una diagnosi.

In caso di ansia marcata, si può ricorrere alla psicoterapia.

Tra gli approcci terapeutici più comuni c’è la Terapia Cognitivo-Comportamentale (CBT).

La CBT è un trattamento che aiuta a identificare e cambiare schemi di pensiero e comportamenti che contribuiscono all’ansia.

Condivisione

Questo articolo ti è stato utile, e pensi possa essere utile per qualcun altro? Condividilo.

Facebook
WhatsApp
Email
Trova la tua serenità

Iscriviti alla nostra newsletter.

Ogni due settimane parliamo di un nuovo argomento riguardo la salute mentale.

Nozioni, riflessioni e consigli su come prenderti cura di te e vivere una vita serena.

Articoli correlati

Grazie a questo test (online, gratis, con risultato immediato) puoi valutare il tuo livello di ansia sociale e ricevere consigli per superarla
Vitamina d bassa e ansia: che correlazione c'è, e come poterla integrare per migliore il benessere mentale.
Ansia somatizzata allo stomaco: i sintomi e i disturbi più comuni, cosa la causa e i rimedi possibili per superarla.
Una breve guida sull’uso dei fiori di Bach per il trattamento dell’ansia. Funzionano davvero? Come funzionano?
Breve guida all'ansia da prestazione: cos'è, le cause, i sintomi, i rimedi, e come superarla con degli esercizi mentali.
Cos’è la FOMO, il suo impatto sulla vita quotidiana e come gestirla con strategie efficaci per migliorare benessere e relazioni.